Torino, accordo per promuovere gli scambi internazionali degli studenti delle scuole secondarie di secondo grado

E’ stato approvato questa mattina dalla Giunta Comunale il protocollo d’intesa tra la Città di Torino e l’Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte per promuovere gli scambi internazionali degli studenti delle scuole secondarie di secondo grado.

I giovani sono sempre più interessati ad acquisire e rafforzare le competenze e le conoscenze per arricchire il proprio bagaglio di studi e di esperienza.

L’accordo si pone l’obiettivo di offrire tale opportunità a un numero sempre maggior di istituti scolastici che si occupano di scambi internazionali dando loro la possibilità di arricchire i percorsi e le iniziative a disposizione degli studenti stranieri ospitati e, nello stesso tempo, sensibilizzare i giovani italiani a diventare ambasciatori di Torino Città Universitaria, il progetto che ha tra le sue direttrici l’internazionalizzazione della città e degli istituti di Alta Formazione.

L’Amministrazione Comunale, che ha già sperimentato un efficace lavoro di rete tra le scuole superiori e gli Atenei torinesi, permette agli studenti stranieri di visitare i laboratori dell’Università, del Politecnico e delle Scuole di Alta Formazione affinché possano conoscere direttamente l’eccellenza accademica torinese e possano diventare così essi stessi testimoni di Torino Città Universitaria nei loro Paesi.

L’Ufficio Scolastico è l’interlocutore privilegiato sia per ampliare e consolidare le esperienze di mobilità e di scambi internazionali degli studenti delle scuole secondarie di secondo grado, sia per promuovere Torino Città Universitaria grazie al lavoro di rete tra gli istituti scolastici e gli Enti locali.

9 su 10 da parte di 34 recensori Torino, accordo per promuovere gli scambi internazionali degli studenti delle scuole secondarie di secondo grado Torino, accordo per promuovere gli scambi internazionali degli studenti delle scuole secondarie di secondo grado ultima modifica: 2015-11-17T18:00:35+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento