Milano, dal Comune ed Eppela al via la prima piattaforma di crowdfunding civico

A disposizione dei milanesi la prima piattaforma di raccolta fondi per la realizzazione di progetti d’impresa ad alta vocazione sociale, grazie alla collaborazione tra il Comune di Milano ed Eppela, il primo portale italiano di crowdfunding reward based. Ad annunciarlo questa mattina gli assessori Cristina Tajani (Politiche del lavoro e sviluppo economico) e Pierfrancesco Majorino (Politiche sociali) in occasione della quarta giornata della Collaborative Week in svolgimento sino al 14 novembre a Base, ex spazio Ansaldo di via Bergognone 54.

“Con l’avvio di questa piattaforma vogliamo sostenere le idee d’impresa attraverso un approccio condiviso che sostenga le giovani start up, le nuove realtà produttive nonché l’emergente modello di economia condivisa con una occhio particolare ai progetti d’innovazione sociale, che pongono la persona al centro – sostengono gli assessori Cristina Tajani (Politiche per il lavoro e Sviluppo economico) e Pierfrancesco Majorino (Politiche sociali), che proseguono: “Grazie a quest’azione di crowdfunding i progetti innovativi ad alto contenuto sociale avranno un’opportunità reale per finanziarsi ed emergere, oltre a favorire lo sviluppo di una città che guarda al futuro in maniera solidale, inclusiva e innovativa”.

“Si tratta di una piattaforma altamente innovativa in quanto eroga soldi pubblici per meritocrazia, legalità e trasparenza e premia tutte quelle iniziative che si distinguono per valore, utilità sociale e capacità di camminare con le proprie gambe, dal momento che sono sottoposte unicamente al giudizio del pubblico” afferma Nicola Lencioni, amministratore delegato di Eppela. “E’ per noi un grande onore collaborare con un’amministrazione all’avanguardia in campo tecnologico e portatrice di alti principi morali, civili e meritocratici come il Comune di Milano”.

L’iniziativa di crowdfunding civico prevedrà un avvio sperimentale, per un periodo di 18 mesi e potrà contare su un contributo dell’Amministrazione di 400mila euro volto a sostenere idee e i progetti di persone e organizzazioni che mirano a incentivare l’avvio di processi di finanziamento “dal basso e condivisi”. Progetti e idee che potranno spaziare dallo sviluppo di una città più accessibile, grazie alla rimozione delle barriere tangibili e intangibili per soggetti con fragilità psico-fisiche, passando per l’aumento della connettività o la riduzione del digital divide sino a nuovi servizi per la cura della persone e la conciliazione famiglia-lavoro e il miglioramento della qualità della vita e progetti d’impresa sociale.

I progetti che riusciranno a ottenere attraverso il crowdfunding un finanziamento almeno pari alla metà dell’importo complessivo previsto per la propria realizzazione potranno beneficiare di un contributo da parte dell’Amministrazione per la restante parte non coperta, fino ad un importo massimo di 50 mila euro per ogni singolo progetto.

Eppela è il principale portale italiano di crowdfunding reward based e la prima piattaforma dove raccontare, condividere e finanziare progetti creativi. Fondata nel 2011, ha finora finanziato oltre 1.800 progetti (il 55% delle iniziative pubblicate raccoglie il budget prefissato) e raccolto circa 7 milioni di euro. Eppela, unica in Italia, ha inoltre ideato un modello di collaborazione in partnership, chiamato Mentoring – che finora ha erogato 500.000 euro di co-finanziamenti – pensato per le aziende interessate ad utilizzare la piattaforma per individuare talenti e sostenere progetti meritevoli di interesse. Rientra in quest’ambito Postepay Crowd, avviata insieme a Poste Italiane, Future Lab con UnipolSai e Fast Up con Fastweb.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano, dal Comune ed Eppela al via la prima piattaforma di crowdfunding civico Milano, dal Comune ed Eppela al via la prima piattaforma di crowdfunding civico ultima modifica: 2015-11-10T21:29:52+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento